OTHER LIGHTS Exhibition >>>

The artistic production by Francesco Candeloro conjugates different and eurythmic modes of expression through an original and extremely personal research that sees in the intensity of light/color the medium par excellence and in the bright and transparent plexiglass the most congenial material, as highlighted by the 5 artworks and the 6 photographic works presented for OTHER LIGHTS, solo show of the Venetian artist in Amsterdam, at Red Stamp Art Gallery.

Be they the different types of wall pieces or installations (in architectural spaces or landscape contexts), as "Suspensions of Light (Amsterdam)", "Eyes 49 Kay" and "Eyes 7", or the "book" artworks as "Alternate Movements" and "Directions", be they environmental installations of shaped neon lights or whether we talk of the strictly photographic work, as in the 6 photos from the series "Times of the Light", light and color, together with transparency, reflection and superposition , time and space, form and sign, eye and vision that runs through, proportion, rhythm and movement, are the themes and the recurring elements in Candeloro's operating mode: the artist employs them confidently, with intimate and natural affinity and coherence in different modulations and languages to create a visual world of transcendent beauty, which innately brings into being and refers to concealed principles of universal kind, to unveil the intrinsic metaphysical nature of the sensible world and of the chromatic spectrum, understood in its psycho-spiritual essence.

The brand new piece "Suspensions of Light (Amsterdam)", presented for the first time to the public on occasion of the Dutch exhibition, belongs to a series of works by Candeloro which arises from places he visited during his travels: the edges of a pair of plexiglass sheets of different colors are laser cut to draw two different skylines of a city, selected and derived from visual photographic notes captured "on the road"; the overlapping on wall of the plates with an appropriate distancing creates spatial and atmospheric depth and optically generates a third nuance. Inside one of the panes the artist dually incides and removes the shape of an emblematic building, closed architectural silhouette, icon elected to represent the chosen urban context and to identify it as a "secret name"; the whole apparatus is doubled and overturned in the two lower panels, which specularly repeat, as in an ideal reflection (often juxtaposed, sometimes staggered), the same horizon lines, the same contours, but not identically, reinforcing the concept of inversion also at the chromatic level.

In his artworks in plexiglass Candeloro manifests visions, almost apparitions, where the matter is dissolved in the radiation of synthetic colors or where it is rather the light to materialize in diaphragms which solidify artificial and luminous emanations gifted with the intense contemporary allure of chemical and catalyzing reflections, polished sharpnesses and soft, winking crystallinities. Indispensable immaterial and calculated component of the work is the relationship with the environmental light, be it natural or artificial: in its interaction with the transparent surfaces it creates moving projections and auras of colored shadows which place the elements and the spaces in a sort of suspended and floating dimension, where the temporality, highlighted by the transformations carried out by the changing of the light source during the hours and the seasons, emerges in its mysterious and forgotten nature of incessant multidimensional present indwelling in the apparent ordinary everyday passing.

Places, buildings, cities, foreshortenings of roads, landscapes, unknown or known people met in the street and on other occasions are the subjects which Candeloro prefers, not with the intent to represent them naturalistically or to transfigure them through the color, but to give us back, of the continuous flow of the real, an arrested instant able to manifest its inherent and authentic essence. In the artworks of the series "Eyes", as "Eyes 49 Kay" and "Eyes 7", the essential features of faces, photographed in extreme close up, are transposed through the industrial airbrush in monochrome on the surfaces of transparent perspex cubes which contain prisms of solid color moved by the presence of an iterated curvilinear element, distinctive image of Candeloro, by himself defined "eye"; this shape is almost a signature which identifies the artist himself, his gaze and his presence in the world, where everyone and everything coexists with the others maintaining its own defined identity.

Another cardinal element of Candeloro is the sign, the line that encircles, the profile that outlines and defines, the hand that traces, indexes of a classically and planning structured way to operate : in the works of the Venetian the two tensions, the one toward color, tonality and atmosphere and the one toward project, drawing, method, proportion and rhythm of internal harmonic rules, find an unusual and balanced conjunction resulting in an immediate and natural aesthetic appeal.

In the "book" artworks , as "Alternate Movements" and "Directions (Free 6)", the dimension of the light/color and those of the drawing and of the compositional construction go near to the more intimate situation of the tale, written testimony of a path: paper and book bring us back to the idea of a diary. These works own a double version: as closed "books" they show us only their "cover" of plexiglass and conceal their interior , deducible only by the colored thickness of the shiny coffer-box of the volume, as opened "books" they become unfolded and "readable"; in them every page (that's composed by three levels of different hues, two of paper and one of acetate) is placed by the artist according to a predetermined arrangement, where the decoration and the narration of gradations of tones and drawings becomes delicate poetic tapestry. The mark here is more personal and the presence of the "eye"returns: it is cut out from the pages, on which it dynamically sprinkles and projects trajectories in combination with graphic interventions in black felt-tip pen.

The purely photographic work by Candeloro, represented in the exhibition by 6 shots of the cycle "Times of the Light", disposed to compose a single artwork, develops and externalizes through conceptual and technical coherence the same poetics, the same perception and interpretation of the sensible, continuing to put in the foreground also through this medium , that of light lives , the reciprocity of light and time: landscapes, views and perspectives are captured almost always in a silent nocturnal dimension, as often not identifiable places and are made sometimes abstract and emphatic for the choice of the framing, the absence of figures on the scene and the artificial tack of the chromatic data, where the involved light sources, photographed by means of long exposure times, delineate with trails and dazzling graphic traces the visual field or light it with flares which seem to be emanated from within the images; a mysterious, clean, fresh world, full of the breath of the aerial element of which it is pervaded and glowing for the intense vital shiver that passes through it, within and beyond the portrayed things .

The creative universe of Candeloro is based upon fundamental themes and principles at the source of being, which are manifested in the light but earnest fashion of the operational "game" of art; the transparencies which he employs conduct to multiple interferences, to a "seeing through" and to interaction and contemporary perception of different elements, joined in a potentially infinite network of relationships. This has suggested me an affinity with the literary work "Invisible Cities" by Italo Calvino, in which Marco Polo describes impressions and insights of seen, existing or imagined, but however possible cities, polyhedral metaphors and faceted figures of the complexity of reality.

“...Only in Marco Polo's accounts was Kublai Khan able to discern, through the walls and towers destined to crumble, the tracery of a pattern so subtle it could escape the termites gnawing...a temporal succession of different cities, alternately just and unjust...already present in this instant, wrapped one within the other, confined crammed inextricable ...If I tell you that the city toward which my journey tends is discontinuous in space and time, now scattered, now more condensed, you must not believe the search for it can stop...”

Sonia Arata, Amsterdam, 18/10/15

Download this text in Pdf version >>>



La produzione artistica di Francesco Candeloro coniuga diverse ed euritmiche modalità espressive attraverso un' originale e personalissima ricerca che vede nell'intesità della luce/colore il medium per eccellenza e nel luminoso e trasparente plexiglass il materiale più congeniale, come evidenziano le 5 opere e i 6 lavori fotografici presentati a OTHER LIGHTS, prima personale in Amsterdam dell'artista veneziano, presso Red Stamp Art Gallery.

Che si tratti dei diversi tipi di opere a parete o installative (in spazi architettonici o in contesti paesaggistici) , come “Sospensioni di Luce (Amsterdam)”,“Occhi 49 Kay” e “Occhi 7”, o delle opere “libro” come “Alterni Movimenti” e “Direzioni”, che siano installazioni in ambiente di luci neon sagomate o che si parli del lavoro strettamente fotografico, come le 6 foto della serie “I Tempi della Luce”, luce e colore insieme a trasparenza, riflesso e sovrapposizione, tempo e spazio, forma e segno, occhio e visione che attraversa, proporzione, ritmo e movimento, sono i temi e gli elementi ricorrenti nell'operare di Candeloro: l'artista li impiega con confidenza, intima e naturale affinità e coerenza in differenti modulazioni e linguaggi a creare un mondo visuale di trascendente bellezza, che innatamente porta in essere e si rifà a celati principi di ordine universale, per disvelare la natura metafisica intrinseca del mondo sensibile e dello spettro cromatico, compreso nella sua essenza psichico-spirituale.

L'opera inedita “Sospensioni di Luce (Amsterdam)”, presentata per la prima volta al pubblico in occasione della mostra olandese, appartiene ad una serie di lavori di Candeloro originati da luoghi visitati nel corso dei suoi viaggi: i bordi di una coppia di lastre di plexiglass di differenti tinte vengono tagliati al laser a disegnare due diversi skyline di una stessa città, ricavati e individuati da appunti visivi fotografici catturati “on the road”; la sovrapposizione a parete dei pannelli con un opportuno distanziamento crea profondità spaziale e atmosferica, generando otticamente una terza sfumatura. All'interno di una delle lastre l'artista incide duplicemente ed asporta la sagoma di un edificio emblematico, silhouette architettonica conchiusa, icona eletta a rappresentare il contesto urbano prescelto, a identificarlo come un “nome segreto”; tutto l'apparato si raddoppia, ribaltato, nei due pannelli inferiori, che ripetono specularmente, come in un ideale riflesso (spesso giustapposto, a volte sfalsato), le stesse linee di orizzonte, gli stessi contorni, ma non identicamente, rafforzando il concetto di inversione anche a livello cromatico.

Nei suoi lavori in plexiglass Candeloro manifesta visioni, quasi apparizioni, in cui la materia si dissolve nella radiazione di colori sintetici o dove è piuttosto la luce a concretizzarsi in diaframmi che solidificano emanazioni luminose e artificiali, dotati della intensa allure contemporanea di chimici e catalizzanti riflessi, di levigati nitori e ammiccanti cristallinità soft. Imprescindibile componente immateriale e calcolata dell'opera è il rapporto con la luce dell' ambiente, naturale o artificiale che sia: nella sua interazione con le trasparenti superfici crea mobili proiezioni ed aure di ombre colorate che collocano gli elementi e gli spazi in una sorta di dimensione sospesa e galleggiante, dove la temporalità, evidenziata dalle trasformazioni operate dal mutare della fonte luminosa nel corso delle ore e delle stagioni, emerge nella sua natura misteriosa ed obliata di incessante presente multidimensionale insito nell'apparente ordinario trascorrere del quotidiano.

Luoghi, edifici, città, scorci di strade, paesaggi, persone sconosciute o note incontrate per strada e in altre occasioni sono i soggetti che Candeloro predilige, non certo con l'intento di rappresentarli naturalisticamente o per trasfigurarli attraverso il colore, ma per restituirci del flusso continuo del reale un istante arrestato che ne manifesti l'essenza interiore e autentica. Nelle opere della serie “Occhi”, come “Occhi 49 Kay” e “Occhi 7”, i tratti essenziali di volti fotografati in primissimo piano vengono trasposti con l'aerografo industriale in monocromia sulle facce di trasparenti cubi di perspex, contenenti prismi di colore solido mosso dalla presenza di un iterato elemento curvilineo, immagine distintiva dell'artista da lui stesso definita “occhio”: forma che è quasi una firma e che identifica l'artista stesso, il suo sguardo e la sua presenza nel mondo, dove ciascuno ed ogni cosa convive con le altre mantenendo una propria definita identità.

Un altro elemento cardine di Candeloro è quello del segno, della linea che contorna, della sagoma che delinea e definisce, della mano che traccia, indice di un modo di operare di impianto classico e progettuale: nelle opere del veneziano le due tensioni, quella per il colore, il tonalismo e l'atmosfera e quella verso il progetto, il disegno, lo schema, la proporzione ed il ritmo di interne regole armoniche trovano una inconsueta ed equilibrata congiunzione risultante in un' immediata e naturale presa estetica sullo spettatore.

Nelle opere “libro”, come “Alterni Movimenti” e “Direzioni (Libero 6)”, la dimensione del colore/luce e quella del disegno e della costruzione compositiva si avvicinano alla situazione più intima del racconto, testimonianza “scritta” di un percorso , riportandoci la carta ed il libro all'idea di diario. Questi lavori possiedono una duplice versione: come “libri” chiusi ci mostrano solo la loro “copertina” di plexiglass, lasciando celato il loro interno, intuibile solo dallo spessore colorato del volume, lucida scatola-scrigno, come “libri” aperti divengono dispiegati e “leggibili”; in essi ogni pagina (composta di tre livelli di diverse tinte, due di carta e uno di acetato) è collocata dall'artista secondo un assetto prestabilito, dove la decorazione e la narrazione di gradazioni di toni e disegni si fa delicato arazzo poetico. Il segno qua è più personale e ritorna la presenza dell' “occhio” che, ritagliato sulle pagine, le costella dinamicamente e vi proietta traiettorie in combinazione con gli interventi grafici a pennarello nero.

Il lavoro puramente fotografico di Candeloro, rappresentato in mostra da 6 scatti del ciclo “I Tempi della Luce”, disposti a comporre un'opera unica , sviluppa ed esteriorizza con coerenza concettuale e tecnica la stessa poetica, la stessa percezione ed interpretazione del sensibile, continuando a mettere in primo piano anche attraverso questo medium, che di luce vive, la reciprocità di luce e tempo: paesaggi, vedute e prospettive vengono catturati quasi sempre in una silenziosa dimensione notturna, come luoghi spesso non identificabili, resi a volte astratti ed enfatici per la scelta dell'inquadratura, l'assenza di figure sulla scena e la virata artificiale del dato cromatico, dove le fonti luminose presenti, fotografate con tempi lunghi di esposizione, delineano con scie e grafismi abbaglianti il campo visivo o lo illuminano con chiarori emanati quasi dall'interno delle immagini; un mondo misterioso, pulito, fresco e pieno di respiro per l'elemento aereo di cui è intriso, acceso di un intenso brivido vitale che trascorre in esso entro ed al di là delle cose raffigurate.

L'universo creativo di Candeloro, fondato su temi e principi fondamentali all'origine dell'essere, manifestati nel modo leggero, ma serio, del “gioco” operativo dell'arte, con le trasparenze di cui si serve, il loro condurre a multiple interferenze ed al “vedere attraverso”, portando ad interazione e contemporaneità di percezione elementi diversi, uniti in una rete in potenza infinita di rapporti, mi ha suggerito un'affinità con l'opera letteraria “Le città invisibili” di Italo Calvino, in cui Marco Polo descrive plurime impressioni ed insight di città viste, esistenti o solo immaginate, comunque possibili, poliedriche metafore e sfaccettate figure della complessità del reale.

...Solo nei resoconti di Marco Polo, Kublai Kan riusciva a discernere, attraverso le muraglie e le torri destinate a crollare, la filigrana di un disegno così sottile da sfuggire al morso delle termiti...una successione nel tempo di città diverse, alternativamente giuste e ingiuste...già presenti in questo istante, avvolte l'una dentro l'altra, strette pigiate indistricabili...Se ti dico che la città cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla...”

Sonia Arata, Amsterdam, 18/10/2015

Scarica il testo in versione Pdf >>>


francesco candeloro,other lights,red stamp art gallery,suspensions of light,amsterdam


francesco candeloro,other lights,red stamp art gallery,amsterda,eyes 7,amsterdam  

francesco candeloro,other lights,red stamp art gallery,amsterdam,directions


francesco candeloro,tempi della luce,petra,other lights,red stamp art gallery,amsterdam  
Francesco Candeloro – Suspensions of Light (Amsterdam) - Laser cut on plexiglass – cm. 140 x 130 x 6,5 – 2015
Francesco Candeloro – Directions (Free 6) – Decoupage and marker on acetate, paper and plexiglass – cm. 29, 7 x 21 x 6 (closed artwork) / cm. 210 x 208 (open artwork) – 2006
Francesco Candeloro – Eyes 7 – Industrial airbrush on plexiglass / Mixed technique – cm. 42 x 42 x 42 – 2004
Francesco Candeloro – Times of the Light Petra – Lambda print on photographic paper - cm. 40 x 23 – 2015

red stamp art gallery, contemporary art, hedendaagse kunst, arte contemporanea, amsterdam ...RED STAMP ART GALLERY...CONTEMPORARY ART ...AMSTERDAM ...CRITICAL TEXTS